RECENSIONE: "Una mano amica" di Jay Northcote

Titolo: Una mano amica
Autore: Jay Northcote
Serie: Housemates #1
Editore: Quixote Edizioni
Genere: Contemporaneo, Scolastico
Pagine: 142
Trama: Jez Fielding e James McKenzie – Big Mac per gli amici – sono al secondo anno di università. Dopo essersi divertiti troppo l'anno prima, stringono un patto per frenarsi e rimettersi in pari. Mentre i loro coinquilini escono a bere ogni finesettimana, Jez e Mac restano a casa per risparmiare e per concentrarsi sui loro studi.
Quando Jez suggerisce di guardare dei porno insieme, non si aspetta che Mac accetti. Una cosa tira l'altra, e ben presto il loro arrangiamento passa da "tieni le mani a posto" a "mettici le mani". Ma innamorarsi di un amico etero non può che finire male, a meno che non ci sia la possibilità che lui provi la stessa cosa.
Acquistabile QUI


Recensione
Volete una commedia collegiale semplice e senza grandi drammi in agguato dietro l’angolo? Beh, allora questo è il libro che fa per voi.
Partendo dal presupposto che adoro le storie ambientate al college, questo libro di Jay Northcote è incredibilmente carino!
La storia è molto semplice: Jez e Mac, coinquilini da tempo, si ritrovano per vari motivi a non potersi più permettere la vita sregolata dell’anno precedente. Perciò, mentre i loro amici e altri coinquilini sono fuori a divertirsi, loro sono costretti in casa. Tra una partita alla play station e una birra, i due passeranno un mucchio di tempo insieme, fino a virare verso un aspetto del loro rapporto d’amicizia completamente inesplorato e un po’ spaventoso che li vedrà coinvolti mano mano sempre con maggiore reciprocità: il sesso.
Jez è un po’ meno spaventato di Mac grazie a eventi passati, ma non per questo si sente più tranquillo a riguardo. Mac è non solo un bel ragazzo, ma anche un caro amico. Mettere a repentaglio l’armonia che vive tra di loro per soddisfare i propri bollenti spiriti ne vale la pena? Più passa il tempo, più Jez è convinto di sì.
Mac, d’altro caldo, è fortemente terrorizzato dalla cosa. Si allontana e si avvicina a intervalli, spaventato da quella nuova tentazione che è diventato Jez. Si è sempre interessato solo alle ragazze, perciò non riesce a capire come mai Jez sia diventato improvvisamente così attraente... E cosa ne penseranno gli altri? E se qualcuno lo scopre?
Tra situazioni molto hot e piccole paure, la storia di Jez e Mac vi regalerà un sorriso, vampate di calore e infinita dolcezza. Non potete lasciarvelo scappare!

Adorava stare tra le braccia di Mac. Era così forte e potente, ma anche gentile. Il battito costante del suo cuore gli vibrava tra le costole ed era un ritmo lento, se paragonato al suo, ma mentre Jez se ne stava sdraiato lì, anche il suo battito gradualmente si calmò, sincronizzandosi al ritmico tum-tum-tum di quello di Mac. 

Commenti